Vai ai contenuti

Protezione Civile Salsomaggiore
ASSOCIAZIONE DI VOLONTARI
PER LA PROTEZIONE CIVILE
TUTELA AMBIENTALE
EDUCAZIONE ALLA SALUTE
Protezione Civile Volontariato



ALLERTA METEO EMILIA ROMGNA

Consulta periodicamente il sito ufficiale per verificare le allerte e i bollettini di vigilanza emessi
dall'Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione Civile della nostra Regione



Dopo 10 anni tornano gli
Stati Generali del Volontariato prociv

16/05/2022

Si svolgeranno a Roma dal 16 al 19 giugno. Organizzazioni di volontariato e Istituzioni si confronteranno sulle sfide future di questa fondamentale componente e struttura operativa del Servizio Nazionale

Dal 16 al 19 giugno tornano gli Stati Generali del Volontariato di Protezione Civile a distanza di dieci anni dalla precedente edizione. Si tratta di una tappa fondamentale per un confronto partecipato e attivo sui grandi temi del volontariato. Gli Stati Generali 2022 puntano a creare un momento di dialogo tra Organizzazioni di volontariato e Istituzioni sulle sfide future di questa fondamentale componente e struttura operativa del Servizio Nazionale. Le quattro giornate di lavori – in programma a Roma presso l’Università degli Studi Roma Tre – saranno occasione per parlare di temi chiave per il futuro del Volontariato e in particolare di sicurezza, risorse, strategie di comunicazione, valori, rappresentanza, prospettive, attività in ambito internazionale, pianificazione di protezione civile. Tra i mesi di febbraio e di marzo 2022 si sono svolti a Roma, presso la sede operativa del Dipartimento della Protezione Civile, otto tavoli di lavoro in preparazione degli Stati Generali del Volontariato. Giornate di confronto e di lavoro a cui hanno preso parte esponenti del Volontariato di Protezione Civile, del Dipartimento della Protezione Civile, dei Centri di competenza, delle Regioni e delle Province Autonome, ma anche esperti delle materie trattate, esterni al mondo di protezione civile. I tavoli hanno trattato otto diversi temi con l'obiettivo di approfondirli durante gli Stati Generali, da cui emergeranno esigenze, spunti e proposte per il futuro del Volontariato di Protezione Civile. ... [continua]

Il drone sviluppato da Enea per le
emergenze radiologiche e nucleari
15/04/2022

A volte, di fronte al rischio di un'emergenza radiologica e nucleare, sono gli operatori umani a raccogliere informazioni, esponendosi ai rischi. Il drone sviluppato da Enea permette di evitarlo e di migliorare la localizzazione in modo innovativo

Tra i molti rischi che l’Italia e l’Europa cercano di affrontare, c’è anche quello legato alle emergenze radiologiche e nucleari. Questi tipi di emergenze, che non sono solo legate a eventi di grandi dimensioni, sono a volte affrontate in prima linea da operatori umani, che possono venire esposti al rischio di contaminazione. Per questo motivo è fondamentale l’innovazione portata da Enea, che ha sviluppato un drone capace di cercare e localizzare le sorgenti radioattive. Ne abbiamo parlato con Antonio Di Pietro, del Laboratorio protezione infrastrutture critiche, che ha contribuito a sviluppare il drone, e con Luigi De Dominicis, Coordinatore del Progetto Including (INnovative CLUster for raDIological and Nuclear emerGencies), finanziato dal programma Horizon 2020 della Commissione europea per la prevenzione e la risposta alle emergenze radiologiche e nucleari, all’interno del quale si sviluppa questa ricerca. “Il progetto Including” - spiega Luigi De Dominicis, in qualità di Coordinatore - “è un progetto europeo finanziato dalla Commissione europea e finalizzato a portare innovazione nella gestione di emergenze radiologiche e nucleari. Porta insieme quindi partner da diversi stati membri con lo scopo di creare un network europeo di tutte le organizzazioni chiamate a operare in questo tipo di emergenze per condividere la tecnologia e le conoscenze. ... [continua]


Ucraina. Partita da Bologna per la Polonia una colonna
di mezzi della Protezione civile in aiuto ai rifugiati

05/04/2022      

La cucina da campo donata dalla Pubblica Assistenza di Sasso Marconi (Bo) all’associazione Salesiani Don Bosco di Cracovia. Aiuti da Barilla, Consorzio del Parmigiano Reggiano e Parmalat. Intervento su richiesta del Dipartimento nazionale di Protezione civile: partecipano anche Umbria e Veneto con altre due cucine.

Bologna – Una cucina da campo donata dall’Emilia-Romagna è in viaggio in queste ore verso la Polonia. È partita stamattina da Bologna, diretta a Cracovia: da lì verrà dirottata verso il confine con l’Ucraina, per essere impiegata nell’assistenza ai profughi in fuga dalla guerra. Ad accompagnare la struttura, un convoglio da sei mezzi – tra cui un camion gru per trasportarla e due autocarri – e una delegazione della protezione civile emiliano-romagnola. La compongono due funzionari regionali e dieci volontari: quattro di Anpas Emilia-Romagna, due, rispettivamente, per i Coordinamenti di Bologna, Parma e Reggio Emilia. A loro il compito di garantire supporto nell’installazione della cucina. ... [continua]



Registro Provinciale n° 30923 del 31/03/2003 - Codice Fiscale 91027560340
E.T.S. - Protezione Civile Salsomaggiore "G. Favalesi" - O.D.V.
Created by Cri&Fil
Copyright © All Rights Reserved
Torna ai contenuti