Protezione Civile Salsomaggiore Terme

Vai ai contenuti

Menu principale:

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARI
PER LA PROTEZIONE CIVILE,
TUTELA AMBIENTALE,
EDUCAZIONE ALLA SALUTE

 
 
 
 
 
 
 
 
 


ALLERTA METEO EMILIA ROMGNA

Consulta periodicamente il sito ufficiale per verificare le allerte e i bollettini di vigilanza emessi
dall'Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione Civile della nostra Regione

https://allertameteo.regione.emilia-romagna.it/

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Riforma Protezione civile:
la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del nuovo codice

Martedi 23 Gennaio 2018

Pubblicato sulla gazzetta ufficiale il decreto legislativo di riforma della protezione civile: la conclusione di un percorso di confronto fra tutti gli attori del sistema e l'inizio di una fase di sperimentazione e messa in pratica del nuovo codice. Da ieri la riforma della protezione civile è a tutti gli effetti una realtà: è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 17 del 22 gennaio 2018  il Decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 224 recante "Codice della protezione civile". Dopo il parere n. 2647 del 19 dicembre 2017 del Consiglio di Stato il nuovo codice è stato approvato dal Consiglio dei Ministri n. 66 del 29 dicembre 2017. Il decreto legislativo  entrerà in vigore il 6 febbraio 2018.
Il decreto è costituito da 50 articoli suddivisi in 7 capi:
-  Capo I  Finalità, attività e composizione del Servizio nazionale della protezione civile
- Capo II  Organizzazione del Servizio nazionale della protezione civile
- Capo III Attività per la previsione e prevenzione dei rischi
- Capo IV  Gestione delle emergenze di rilievo nazionale
- Capo V Partecipazione dei cittadini e volontariato organizzato di protezione civile
- Capo VI  Misure e strumenti organizzativi e finanziari per la realizzazione delle attività di protezione civile

- Capo VII  Norme transitorie, di coordinamento e finali.
[... continua]

 
 
 
 
 
 
 

Consiglio dei Ministri:
approvata la riforma della Protezione Civile

29 dicembre 2017 - Via libera definitivo alla riforma della Protezione Civile. Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo di "riordino delle disposizioni legislative in materia di sistema nazionale della protezione civile in attuazione della L. 16 marzo 2017, n. 30".
La riforma mira a rendere più efficaci gli interventi di urgenza, potenziare la fase di prevenzione e pianificazione e riallineare le competenze territoriali giungendo, in sostanza, all'adozione di un vero e proprio codice della protezione civile.
"La certezza delle norme, per la delicatezza del nostro settore, è un elemento fondamentale per assicurare interventi efficaci e tempestivi, soprattutto in emergenza" ha commentato il Capo Dipartimento, Angelo Borrelli. "Il nuovo Codice rappresenta il prodotto corale del Servizio nazionale della protezione civile e, in questo, siamo consapevoli di aver raggiunto l'obiettivo principale che la legge-delega si proponeva: tracciare il percorso per costruire la protezione civile del futuro, facendo tesoro dei progressi fatti nei 25 anni che ci separano dall'approvazione della legge n. 225/1992, frutto delle straordinarie intuizioni del presidente Zamberletti, per aprire tutti insieme una nuova fase, nello spirito di concretezza e di leale collaborazione tra livelli di governo che sempre caratterizzano il modello italiano di protezione civile". [...continua]

 
 
 
 
 
 
 

Maltempo. Il presidente della Regione firma
la richiesta di stato di emergenza da inviare al Governo


105 milioni di euro la prima stima dei danni. Varato il decreto per lo stato di crisi regionale

Bologna – Nel pomeriggio di oggi, il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, ha firmato la richiesta di stato di emergenza che verrà immediatamente inviata al Governo, così come aveva anticipato direttamente al presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, al telefono martedì scorso, all’indomani delle esondazioni di fiumi e corsi d’acqua e delle piene dalla portata storica nei territori di Parma, Reggio Emilia e Modena, oltre al fenomeno del gelicidio nelle aree appenniniche da Bologna a Piacenza. [...continua]

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu